CONSIGLI PER IL CORRETTO UTILIZZO BOTTE IN ROVERE:

  1. Riempire di 2/5 della sua capacità la botte con una soluzione di acqua bollente e sale e scuoterla per inumidire ogni sua parte.
  2. Lasciare la soluzione nella botte per due giorni avendo cura di scuoterla e girarla di tanto in tanto.
  3. Svuotare la botte dall’acqua salata e risciacquarla con acqua pura lasciandola scolare.
  4. Trascorso un giorno si consiglia di avvinare la botte riempendola con acqua e raboccare per 10 giorni. Svuotare la botticella e lasciar scolare bene l'acqua per due giorni.
  5. A questo punto la botte sarà pronta per ricevere ed invecchiare il vino o distillato.

CONSIGLI PER IL CORRETTO UTILIZZO BOTTE IN CASTAGNO:

Seguire le indicazioni per la botte in rovere utilizzando però acqua fredda.

IMPORTANTE: La botte viene accuratamente controllata e i cerchi vengono ribbattuti. Prima dell’utilizzo è comunque opportuno verificare che tra le doghe non ci sia “aria” (foto 1) e se necessario procedere come segue:

  1. Rimuovere i chiodi con una tenaglia (foto 2)
  2. Ribattere i cerchi posizionando la testa di un martello sul cerchio (foto 3) e battere con un altro martello per far scendere il cerchio (foto 4). Procedere per tutta la circonferenza dei cerchi.
  3. Ribaltare la botte e procedere di nuovo col punto 2.
  4. Se tra le doghe non è più presente aria fissare i cerchi con i chiodi.

N.B. Durante la fase di battitura controllare il posizionamento delle doghe. Se si rilevano doghe fuori asse spingerle verso l’interno con un martello di gomma e ribattere di nuovo i cerchi.

Dopo l'utilizzo:

Dopo aver lavato la botte, assiscurarsi che si asciughi bene e non vi siano residui di umidità. A questo punto bisogna solforare con 5/10 g/hl.

Se la botte non si utilizza subito, o comunque prima di settimane o mesi, bisogna avvolgerle con film di plastica e deporla in un locale avente:

  • buona igrometria (75% - 80%)
  • assenza di correnti d'aria
  • scarsa luminosità
  • ricoprirla con un telo e comunque evitare raggi U.V.